Corsi agrario

Introduzione

Il corso professionale offre la scelta (che si effettua al momento dell’iscrizione) fra due opzioni:

  • Valorizzazione e commercializzazione dei prodotti agricoli del territorio
  • Gestione risorse forestali e montane

Il Corso Professionale permette un diretto accesso al mondo del lavoro già dopo il terzo anno di corso, dopo l’esame di qualifica professionale regionale di “operatore della trasformazione dei prodotti agricoli” e “operatore agricolo”.

Il conseguimento della qualifica regionale è facoltativo.

La scelta deve essere effettuata al momento dell’iscrizione alla classe prima in quanto la qualifica prevede lo svolgimento di 200 ore di stage professionalizzante in aziende del settore da effetuarsi (in orario extracurricolare) nel corso del secondo e terzo anno (periodo estivo al termine del secondo anno compreso)

Alla fine della quinta si sostiene l’esame di stato e si consegue il diploma di Agrotecnico

Qui riportiamo il quadro orario del nuovo corso professionale diviso in biennio e triennio

Biennio comune

III
  Lingua e letteratura italiana44
  Storia11
 Geografia11
  Lingua inglese33
 Matematica44
  Diritto22
  Scienze integrate (Chimica, Fisica, Scienze)54
  Tecnologie   informatiche22
  Ecologia e pedologia34
  Laboratorio/Esercitazioni di agronomia44
  Scienze motorie e sportive (Ed. Fisica)22
  Religione Cattolica/Attività alternative11

Triennio

IIIIVV
LINGUE (italiano e inglese)666
Diritto e Storia222
Matematica333
Scienze motorie222
Religione cattolica/Attività alternative111
Area di indirizzo (vedi sotto dettaglio)181818

Materie di indirizzo (dal terzo anno)

Opzione “valorizzazione dei prodotti agricoli del territorio”

IIIIVV
Laboratorio di biologia e di chimica applicata ai processi di trasformazione23
Agronomia del territorio agrario e forestale333
Tecniche delle produzioni Vegetali e zootecniche333
Economia agraria e legislazione di settore agraria e forestale.444
Gestione e valorizzazione delle attività produttive e sviluppo del territorio e sociologia rurale333
Logistica e marketing dei prodotti agroalimentari3
Agricoltura sostenibile e biologica322
totale area di indirizzo181818

Opzione “Gestione delle risorse forestali e montane”

IIIIVV
Laboratorio di biologia e di chimica applicata ai processi di trasformazione22
Agronomia del territorio agrario e forestale332
Tecniche delle produzioni Vegetali e zootecniche233
Economia agraria e legislazione di settore agraria e forestale.334
Gestione e valorizzazione delle attività produttive e sviluppo del territorio e sociologia rurale333
Agricoltura sostenibile e biologica222
Selvicoltura, dendrometria e utilizzazioni forestali322
Assestamento forestale, gestione parchi, aree protette e fauna selvatica2
totale ore area di indirizzo181818

Sbocchi professionali

  • Aziende di trasformazione (vitivinicole, apicole, caseifici, macellerie, salumifici, produzione mangimi, orto-frutta)
  • Reparti alimentari grande distribuzione
  • Aziende che operano nella produzione di sementi, concimi e mangimi – Aziende agricole e allevamenti  – Vivai
  • Consorzi agrari e associazioni di categoria – Studi tecnici in campo agrario e ambientale (progettazione interventi di ripristino aree degradate, a rischio ambientale, interventi ingegneria naturalistica)
  • Laboratori di analisi in campo alimentare e fitosanitario
  • Progettazione e manutenzione del verde pubblico e privato
  • Previo concorso pubblico: Regione – Ente parchi e riserve naturali

Corso Tecnico

Durata 5 anni. Al termine si consegue il diploma di Perito Agrario.

Dopo un biennio comune a tutti gli istituti tecnici, a partire dal terzo anno sono previste due articolazioni :

– Produzioni e trasformazioni: permette di acquisire competenze nell’ambito delle produzioni animali e vegetali, delle trasformazioni e della commercializzazione dei relativi prodotti, dell’utilizzo delle biotecnologie

– Gestione dell’ambiente e del territorio: permette di acquisire competenze nell’ambito della conservazione e tutela del patrimonio ambientale, delle tematiche collegate alle operazioni di estimo e al genio rurale

Discipline corso tecnico agrario

IIIIIIIVV
  Italiano44444
  Storia22222
  Lingua Inglese33333
  Matematica44333
  Diritto22
  Scienze/biologia22
  Geografia1
  Fisica*33
  Chimica33
  Tecnologie   informatiche*3
  Scienze e tecnologie  applicate3
  Tecnol. e tec di rappr. grafica*33
  Complementi di matematica11
  Produzioni animali332
  Ed. Fisica22222
  Religione Catt/  Att. Altern11111

*materie che prevedono compresenza e attività di laboratorio

Materie di indirizzo (dal terzo anno)

ARTICOLAZIONE “PRODUZIONI E TRASFORMAZIONI”

IIIIVV
Produzioni vegetali544
Trasformazione dei prodotti233
Economia, estimo, marketing e legislazione323
Genio rurale32
Biotecnologie agrarie23
Gestione dell’ambiente e del territorio2

Articolazione “Gestione dell’ambiente e del territorio”

IIIIVV
Produzioni vegetali544
Trasformazione dei prodotti222
Genio rurale222
Economia, estimo, marketing e legislazione233
Gestione dell’ambiente e del territorio4
Biotecnologie agrarie22

N.B in entrambe le articolazioni sono previste ore di laboratorio in compresenza: 17 tra III e IV e 10 in V

Sbocchi professinali

  • Aziende di trasformazione (vitivinicole, apicole, caseifici, macellerie, salumifici, produzione mangimi, orto-frutta)
  • Reparti alimentari grande distribuzione – Aziende che operano nella produzione di sementi, concimi e mangimi
  • Aziende agricole e allevamenti  – Vivai – Consorzi agrari e associazioni di categoria
  • Studi tecnici in campo agrario e ambientale (progettazione interventi di ripristino aree degradate, a rischio ambientale, interventi ingegneria naturalistica)
  • Laboratori di analisi in campo alimentare e fitosanitario
  • Progettazione e manutenzione del verde pubblico e privato
  • Previo concorso pubblico: Regione – Ente parchi e riserve naturali

Il diploma di perito agrario consente di effettuare anche: Perizie di stima e operazioni catastali.