Home » Community » Appunti per capire la guerra in Ucraina (febbraio 2022)

Appunti per capire la guerra in Ucraina (febbraio 2022)

Un po’ di storia antica dell’Ucraina in pillole

Dopo il IV sec. d.C.Invasione dei Goti
XIII-XIV sec.Invasione dei tatari
XIV sec.Il Regno di Galizia incorpora l’Ucraina
XV sec.Invasione da parte dei Lituani
1569-1790Annessione dell’Ucraina nel regno federale di Lituania-Polonia
1790-1917Zar di Russia

Storia contemporanea dell’Ucraina

1917-1991: età del Comunismo 

1917Nasce la Repubblica socialista sovietica dell’Ucraina
luglio 1923Ucraina entra nell’URSS
1932-1938Carestia del 1932-33. Deportazioni di massa del ceto contadino, accusato da Stalin di essere borghese e vicino a Trotzskij
1 settembre 1939L’Ucraina occidentale viene sottratta alla Polonia e unita all’Ucraina
1954Annessione della penisola di Crimea

1946-1991: guerra fredda USA-URSS.

Dal 1922 al 1991, Ucraina e Russia sono unite in un nuovo stato federale. Negli anni dell’invasione nazista (1941-43), l’Ucraina diviene regione sotto la sovranità di Hitler.

Carta d’identità economica e urbana dell’Ucraina

Produzione di grano, barbabietole, frumento, ortaggi e frutta, mais, patate.

Carbone presente nel Donbass (zona a est, dal 2014 sotto controllo russo), ferro, alluminio, manganese, petrolio nell’area caucasica.

Industrie alimentari, estrattive, chimiche, metallurgiche.

Capitale: Kiev; altre città importanti: Kharkov, Odessa (una sorta di Firenze del mar Nero), Lviv (sul confine polacco), Dniepropetrovsk.

Profilo turistico di Kiev, la capitale: https://travel.thewom.it/ucraina/kiev/kiev-cosa-vedere.html

Le cause di un conflitto

Putin, attualmente, incarna la classica doppia anima russa: 

  • Occidentale ed europeista (sede: San Pietroburgo), già manifestata da statisti come Lenin (1917-24) e Gorbaciov (1985-91);
  • Slavofila e conservatrice delle tradizioni (sede: Mosca) incarnata da Stalin e, da alcuni anni, da Putin.

Per difendere gli interessi politici e militari degli USA e dei loro alleati, nel 1949 viene fondata la Nato (o Patto Atlantico); qualche anno dopo, nel 1955, per lo stesso motivo, nasce il Patto di Varsavia (tra URSS e paesi comunisti, tra cui Polonia, Romania, Moldavia, Bulgaria, Ungheria e Cecoslovacchia). Dopo la fine dell’Impero sovietico, molti stati appartenenti all’antico Patto di Varsavia, come ad esempio la Polonia e la Romania, sono entrate nella NATO. Quest’allargamento a est dell’influenza occidentale ha molto preoccupato la classe dirigente russa, Putin in particolare.

Il tardo Novecento

Nel 1991, dopo la dissoluzione dell’URSS comunista, l’Ucraina si dichiara indipendente, confluendo a livello istituzionale nella Comunità degli Stati Indipendenti (CSI).

Boris Eltsin, predecessore di Putin, nel 1992 mostra un’inedita apertura verso l’occidente, destinata, ben presto, ad essere rimangiata: nel 1991-95, la Nato invia truppe nell’ex Jugoslavia in guerra e nel 1999 bombarda Belgrado, capitale della Serbia, da sempre alleata di Mosca, per la questione del Kosovo (bombardamento di Belgrado: https://www.remocontro.it/2019/03/24/mercoledi-24-marzo-1999-jugoslavia/ ).

L’età di Putin (1999-2022)

Vladimir Putin era stato un ufficiale dei servizi segreti russi e diviene presidente della Russia, per la prima volta, tra il 2000 e il 2008.

All’inizio della sua esperienza di governo, egli si era ispirato a valori molto vicini all’occidente:

  • neoliberismo economico (economia di mercato, molto aggressiva, con speculazioni economico-finanziarie soprattutto sul gas naturale)
  • Richiesta di ingresso nell’Unione Europea e nella Nato (dopo l’11 settembre 2001, la Russia aveva concesso basi aeronautiche agli USA per le operazioni in Afghanistan).

Nel 2007 Putin cambia strategia. A causa della cocente delusione da lui provata nei confronti dell’occidente, che aveva svalutato la Russia, si verifica un tentativo di rinascita del ruolo internazionale di questo stato. L’intenzione di Putin è di riportarla ad essere uno stato forte – politicamente, economicamente e militarmente – nel mondo: da qui l’intervento in Siria nel 2011 a favore del re Assad (non estranei interessi petroliferi), il sostegno alle politiche vicine al populismo nazionalista in Europa e in USA (ad esempio, a quello del presidente americano repubblicano Donald Trump, 2017-2021); la rivalsa nei confronti dei paesi vicini “traditori” (come la Polonia, nell’UE dal 2015 pur senza adottare l’Euro), che hanno accettato di entrare nella Nato e di posizionare missili terra-aria in prossimità dei loro confini orientali (in vicinanza di Mosca, dunque).

La questione ucraina: gli ultimi anni (2004-2022)

Nel 1989, alla caduta del muro di Berlino, trattati non scritti tra URSS e USA prevedevano la conservazione di stati cuscinetto tra l’occidente alleato degli Americani e la Russia, stati nei quali non sarebbe stato possibile impiantare strutture militari fornite dalla Nato: l’Ucraina era uno di essi.

  • Nel 2004, le elezioni ucraine premiano il filorusso Victor Janukovic (anche se la sua elezione è viziata da brogli). I giovani sfilano in piazza Majdan, a Kiev, per chiedere democrazia (la “rivoluzione arancione) e la ripetizione delle elezioni.
  • Nel 2005, grazie al favorevole esito della “rivoluzione arancione”, prende il potere in Ucraina il primo ministro Yulija Tymoshenko, europeista e antirussa; sarà di lì a poco incarcerata, nel 2011, per le sue posizioni distanti da Mosca.
  • 2012: primo accordo tra Unione Europea e Ucraina per una prossima entrata dello stato slavo nell’Unione.
  • A ottobre 2012 diventa presidente il filorusso Janukovic, che decide di sospendere le procedure di associazione ucraina all’UE. 
  • febbraio 2014: scontri durissimi nella principale piazza di Kiev tra manifestanti europeisti e forze di polizia. Janukovic si rifugia in Russia.
  • marzo 2014: in Crimea un referendum vede la vittoria dei filorussi che vogliono unificarsi alla Russia
  • maggio-settembre 2014: violenti scontri tra forze volontarie filorusse delle regioni del sud-est Crimea e Donbass, sostenute da Putin, e esercito regolare ucraino 

(Cartina: https://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/infografica/il-donbass-la-regione-ucraina-contesa_46274139-202202k.shtml )

  • 2014-2022: scontro a bassa intensità che prosegue sino a ieri, data dell’invasione della Russia.

Un po’ di letteratura ucraina

Nel 2015 Svetlana Aleksievic vince il premio Nobel per la letteratura; suoi sono i volumi La guerra non ha un volto di donna e Tempo di seconda mano. Altri importanti scrittori, tradotti in italiano, sono Aleksei Nikitn (Victory Park) e Serhij Zadan, autore di La strada del Donbass (2013) e Il convitto (2019), libro sulla guerra a bassa intensità – almeno sino al 24 febbraio 2022 – in Donbass.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.